Il tuo angolo di casa lontano da casa...
Famiglia Papi

Cosa vedere ad Arezzo


Cosa vedere ad Arezzo: la Chimera

Cosa vedere ad Arezzo: La Chimera

Cosa vedere ad Arezzo: alla scoperta della fiera Antiquaria e della casa di Ivan Bruschi.

Se ami l’arte antiquaria, Arezzo ti offre la possibilità di partecipare ad un evento unico, per il quale la città è famosa in tutto il mondo.

Si tratta della Fiera Antiquaria, la quale ha luogo in città ogni prima domenica del mese e sabato precedente.

Il rituale si perpetua dal 1968 e vede la città rendersi protagonista di un grande mercato, dove antiquari, appassionati e collezionisti si incontrano per scambiare e acquistare merci antiche.

 

 

Cosa vedere ad Arezzo: le botteghe e le Fiere Antiquarie

La fiera si contraddistingue nel panorama italiano per la qualità dei prodotti esposti, capaci di attirare in Piazza Grande e nelle adiacenti vie del centro una grande quantità di turisti e di visitatori, sia italiani che stranieri.

Il ripetersi dell’occasione ha inoltre fatto sì che in città crescessero le piccole botteghe stabili dedicate all’antiquariato.

Molte volte questi originali luoghi sono confusi e polverosi, ma ciò aumenta a determinarne il fascino fuori dal tempo.

Potrai incontrare oggetti preziosi accanto a vere e proprie cianfrusaglie, con la possibilità di respirare la vera natura del commercio aretino.

Cosa vedere ad Arezzo: La casa museo di Ivan Bruschi

La paternità della Fiera Antiquaria è da attribuirsi alla figura dell’eclettico collezionista Ivan Bruschi, la cui dimora è tutt’oggi visitabile nella sua casa-museo.

Per sua volontà la dimora è situata nel Palazzo del Capitano del Popolo, un edificio trecentesco perfettamente restaurato, dislocato nella parte alta della città storica di fronte alla famosa Pieve romanica di S.Maria.

Cosa vedere ad Arezzo: la casa museo di Ivan Bruschi

Cosa vedere ad Arezzo: La casa di Ivan Bruschi Immagine da: www.kidsarttourism.com

Il palazzo racchiude tanta della storia aretina al suo interno, testimoniata dagli stemmi posti sulla facciata dell’edificio.

Creata a conci di pietra serena, la bella facciata del palazzo è resa ancor più pregiata dal gioco di luci prospettico che essi riescono a creare grazie alla regolarità della loro struttura e caratterizzata da un’architettura severa nei giochi delle finestre.

Anche l’entrata rispecchia l’austerità dei palazzi nobiliari toscani, aprendosi in un incantevole chiostro quattrocentesco abbellito dal pozzo centrale e dalla presenza di capitelli a foglie di acanto.

Le grandi sale, perfettamente conservate e caratterizzate da parti lignee, mensole, portali e camini in pregiata pietra, ospitano la collezione, raggruppata secondo logici criteri di tipologia, cronologia e topografia. Nel particolare è possibile ammirare un’importante serie di ceramiche medioevali, gioielli, sculture e epigrafi.

Accanto ai tanti oggetti medioevali è possibile visitare la sezione dedicata all’archeologia, con reperti risalenti dalla preistoria fino alla tarda antichità e una speciale sezione dedicata alla numismatica, con preziose raccolte di monete provenienti da tutto il mondo.

Se desiderate visitare Arezzo e scoprire queste meraviglie, contattateci al numero di Tel: +39 055 9194015 e vi forniremo tutte le indicazioni oltre ad offrirvi la possibilità di soggiornare nel nostro Hotel a condizioni molto vantaggiose.